VELOUR versus ASOLA

Tutti conoscono la classica chiusura asola-uncino. Ma non tutti sanno che al posto di un’asola si può utilizzare un materiale più morbido e sottile: il VELOUR (o vellutino). Questo prodotto ha delle caratteristiche che, in diversi impieghi, lo rendono più performante rispetto a una normale asola.

velour binder

In questi anni abbiamo costantemente ampliato l’offerta di tantissime varianti di vellutini, offrendo differenti grammature e finissaggi che li rendono lavabili, resistenti alle aperture e chiusure, morbidi, cucibili, saldabili, autoadesivi, chiusi sul retro per non far passare la colla o la schiuma.

Altre novità fresche fresche: possiamo accoppiare il Velour a molti materiali tessili dei clienti rendendoli “aggrappabili” a una controparte uncino o fungo. Inoltre realizziamo a laser geometrie particolari.

Vi segnaliamo alcune nuove chiusure  che hanno il Velour come controparte:

  • Per una chiusura morbida e sottile: uncino Klettostar® LS (un uncino molto più morbido e leggero di quello “standard”) con il Velour lavabile. Il sistema mantiene comunque la caratteristica di molteplici aperture/chiusure.
  • Per grandi superfici: pannelli, anche di grandi dimensioni , possono essere fissati con la chiusura Velour-Fungo Pressotex® o Pressogrip®. Si possono sostenere carichi importanti con bassissimo costo nella posa.
  • Per chiusure sottilissime: se necessita uno spessore di poco superiore al millimetro, il Velour si abbina al nostro microfungo Microplast®.

Qual’è allora il verdetto nel confronto tra asola e velour?  Sicuramente una condizione di parità! Entrambi gli articoli hanno i loro vantaggi: L’asola abbinata al classico uncino dà luogo a una chiusura “robusta” per innumerevoli aperture e chiusure. Il Velour invece viene principalmente utilizzato per la sua morbidezza, lo spessore inferiore e la possibilità di produrlo fino ad una larghezza di 1,5 m.