LE FORZE IN GIOCO

Ogni sistema di fissaggio apri/chiudi ha delle esigenze particolari di tenuta in apertura, in trazione orizzontale o verticale.

Appendere un quadro, fissare un pannello al soffitto, aprire e chiudere molteplici volte un giubbotto sportivo, tutto ciò impegna forze molto diverse tra di loro. Offrire soluzioni di fissaggio in funzione alla forza richiesta è la ns. missione.

Vi ricordate i sistemi a fungo dei quali abbiamo parlato già diverse volte su questo blog: Bene, quando appendete un quadro bisogna opporsi a uno scorrimento orizzontale e questa forza in inglese si chiama  shearing.

Nella foto si vede molto bene che i “funghetti” della chiusura si ancorano nella controparte, ad un velluto, e si oppongono allo scorrimento.

Fungo fungo monocomponenteNel caso del pannello da appendere al soffitto, le forze sono a 90° , tensile in inglese. In questo caso il Duotec® ,chiusura monocomponente fungo/fungo, è senz’altro quella più indicata, poiché i sottosquadra dei funghi si ancorano fra di loro e si oppongono alla riapertura.

01_VerschlussJackeNel caso di un giubbotto sportivo infine, il problema è: quanta forza, che si chiama peeling, devo esercitare per riaprire la chiusura? Questa forza deve essere costante e commisurata al grandissimo numero di aperture/chiusure richiesto.  Il miglior sistema di chiusura in questo caso è l’asola/uncino, in particolare il Klettostar®  Binder, testato fino a 5000 cicli di aperture e chiusure.

Nastro a strappo
Ingrandimento macro di una chiusura a strappo asola – uncino

Rispondi