chiusura a strappo

Una chiusura a strappo NON vale l’altra

Certo, la qualità è importante. Ma perchè, con tutti i problemi che ci sono dobbiamo preoccuparci addirittura della qualità di un nastro a strappo??? Semplicemente perchè se ne utilizzate uno di bassa o peggio quasi inesistente qualità ve ne accorgerete, eccome se ve ne accorgerete!!

La prima cosa che noterete è che inizialmente la chiusura sembra veramente bella e in ordine, lo strappo è buono, insomma niente da ridire. Ma dopo un po’ di strappi l’asola inizia a sembrare un cespuglio  disordinato con i fili che sembrano un ammasso ingarbugliato e la chiusura attacca sempre meno.  Oppure: il meraviglioso colore rosso inizia a sbiadire dopo pochi lavaggi e perde la sua brillantezza.O ancora: il nastro è rigido come il cartone e può addirittura causarvi un’allergia a contatto con la pelle .

Ma proprio mentre pensate con una certa nostalgia a bulloni, chiodi e rivetti, NON perdetevi d’animo: C’è di moooolto meglio sul mercato!

Insomma la qualità in questo campo c’è, si vede e si certifica: esistono norme DIN europee che attestano le caratteristiche delle chiusure e altre norme che vi garantiscono che non ci siano sostanze tossiche che possono irritare la pelle!!

Insomma, prima di acquistare e trovarvi con delle brutte sorprese, scegliete attentamente a quale fornitore affidarvi. Come sempre ci sono anche in questo capo differenze enormi…

Rispondi